Intervista al prof. Vincenzo Russo, direttore scientifico del centro di ricerca Behavior and Brain Lab IULM

Andrea Saletti intervista Vincenzo Russo

Ho intervistato Vincenzo Russo perché è uno dei maggiori riferimenti in Italia in campo neuromarketing.
Professore di Psicologia dei Consumi e Neuromarketing presso la Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano. Direttore Scientifico del Centro di Ricerca di neuromarketing Behavior and Brain Lab IULM. Direttore scientifico del Master in Food and Wine Communication, organizzato in collaborazione con Gambero Rosso e del Master Management e comunicazione del Made in Italy: promozione enograstronomica e valorizzazione delle eccellenze del territorio. Membro del Comitato Scientifico delle Università per Expo 2015.

Rappresentazioni neurali: come sai quello che sai

Rappresentazioni neurali

Riccardo di Roma, in una sua email mi chiedeCome sappiamo ciò che sappiamo? Come si costruisce nel nostro cervello un’idea, un’opinione, un giudizio, riguardo un prodotto o un concetto?
A questa domanda voglio rispondere in modo approfondito, perché se da un lato può apparire ovvio che ciò che incide fortemente sui nostri processi cognitivi è il nostro percorso di esperienze vissute, è anche vero che in pochi sanno cosa si intende biologicamente per “esperienza” e come tecnicamente l’esperienza diventa la nostra finestra attraverso cui guardare il mondo.

————

Cosa cambierebbe a livello del tuo cervello,

Il riassunto di Nudge, del Premio Nobel Thaler

riassunto di nudge di Richard Thaler

N.B. Questo riassunto – anche se molto dettagliato – non vuole sostituirsi al libro “Nudge La spinta gentile” scritto dal premio Nobel Richard Thaler, ma fornire agli utenti interessati le motivazioni necessarie all’eventuale acquisto.
Puoi acquistare Nudge QUI su Amazon

————

A volte, per riuscire a convertire gli utenti, basta una piccola spinta, delicata, inavvertita… insomma, gentile. Hai già capito dove voglio andare a parare, vero? Proprio così: sto parlando della ‘spinta gentile’ che sta al centro della teoria dei Nudge, descritta in modo superbo nel libro ‘Nudge: Improving Decisions about Health,

L’UX design… visto attraverso la lente della psicologia applicata al web

user experience design

Federica che lavora in una web agency di Firenze, mi scriveho letto il tuo libro e trovo interessantissimo il tuo approccio psicologico al design e al marketing […] Io sono una web designer e mi piacerebbe avere dei consigli su come sfruttare appunto le neuroscienze, di cui tu sei esperto, per migliorare ulteriormente nel mio lavoro

Credo che la risposta a questa curiosità risieda tutta nel concetto di UX design, anche abbreviato in UXD, ovvero User Experience Design: cos’è veramente, su quali principi si basa e quanto deve la sua efficacia agli studi sul funzionamento del cervello umano lo UXD?

Il riassunto di Neuromarketing, di Martin Lindstrom

riassunto libro neuromarketing lindstrom

N.B. Questo riassunto – anche se molto dettagliato – non vuole sostituirsi al libro “Neuromarketing” scritto scritto da Martin Lindstrom, ma fornire agli utenti interessati le motivazioni necessarie all’eventuale acquisto.
Puoi acquistare Neuromarketing QUI su Amazon

————

C’era una volta, in Danimarca, un bambino incredibilmente appassionato di Lego. Non si limitò a costruire una enorme casa di Lego nel proprio giardino di casa. Non si limitò a inaugurarla con una vera e propria festa – alla quale, purtroppo, parteciparono solo i suoi genitori. Fece di di più: contattò un’agenzia pubblicitaria affinché promuovesse la sua amatissima costruzione.

Come neuromarketing e volti possono rendere più umano (e più efficace) il tuo brand online

volti umani e neuromarketing

Jonathan di Sondrio mi scriveCiao Andrea, ho visto un paio di tuoi interventi dal vivo e in entrambi sostenevi la necessità di inserire volti umani nel design dei siti web. Puoi spiegarmi meglio i vantaggi? Come scelgo queste immagini? Puoi farmi qualche esempio pratico?

————

Non i cani, non il pallone, non i videogiochi, non i libri. No, gli umani hanno un’innata ossessione per gli altri umani. Quando Aristotele, nella sua Politica, scrisse che «l’uomo è un animale sociale», rischiò persino di minimizzare le cose. Adesso,

Neuromarketing: ecco come funziona il meccanismo della ricompensa

dopamina e ricompensa

Sofia di Bologna è una copywriter e mi chiedeSia sul tuo libro che in diverse pubblicazioni di settore si parla della dopamina e di come la comprensione di questo neurotrasmettitore del cervello sia indispensabile per chi fa marketing […] sinceramente ho trovato pochi esempi pratici da applicare nel mio lavoro sul web, riesci a farmi comprendere meglio cosa dovrei sapere sulla dopamina e come sfruttano i suoi meccanismi gli esperti di comunicazione?

————

Perché Fido (o Pippo, o Pluto, o Tullio, o qualsiasi nome tu abbia dato al tuo amico cane) ti dà la zampa?

Il riassunto di Pensieri lenti e veloci, di Daniel Kahneman

pensieri lenti e veloci kahneman

N.B. Questo riassunto – anche se molto dettagliato – non vuole sostituirsi al libro “Pensieri lenti e veloci” scritto dal premio Nobel Daniel Kahneman, ma fornire agli utenti interessati le motivazioni necessarie all’eventuale acquisto.
Puoi acquistare Pensieri Lenti e Veloci QUI su Amazon

————

Ci sono libri che possono cambiare una vita. Tutti i grandi lettori hanno nella propria piccola biblioteca personale almeno uno di questi testi: c’è chi dice che la sua vita non è stata più la stessa dopo aver letto Siddharta, di Herman Hesse,

Ecco perché la tua strategia SEO deve iniziare a tener conto dell’amigdala dei tuoi utenti

seo- amigdala

Samuele, che di lavoro fa il SEO, mi chiede tramite Facebook Messenger “Sono sempre più convinto che chi si occupa di SEO oggi debba conoscere molto bene la psicologia. Dietro il più banale intento di ricerca si celano un mondo di proiezioni emozionali che nascono e vivono nella mente dell’utente […] Ti è mai capitato di fare consulenze a riguardo? Hai qualche dritta da darmi?

————

C’è un posto del nostro encefalo in cui la razionalità viene messa da parte, e dove prendono invece il sopravvento le emozioni più basiche,

Quanti sono i bias cognitivi? Ecco uno schema per trovare sempre quello che  stai cercando

distorsioni cognitive

Raffaella mi scriveSul tuo libro c’è un capitolo intero dedicato alle distorsioni cognitive, argomento che mi affascina tantissimo, su wikipedia ce n’è un elenco infinito […] sai consigliarmi un modo veloce per richiamarle velocemente alla mente quando devo approcciare la strategia di comunicazione di un offerta o di un servizio? Esistono mappe mentali o infografiche organizzate e facili da consultare?

————

Un errore sistematico che influenza il nostro giudizio e le nostre decisioni. Ecco, in estrema sintesi, cosa è un bias cognitivo (o distorsione cognitiva): un errore, una deviazione,

50% Complete